Home Post-Stage Dal Festival T.E.S.P.I. una lettera speciale
Dal Festival T.E.S.P.I. una lettera speciale

Dal Festival T.E.S.P.I. una lettera speciale

0
0

Dal 17 al 21 luglio nel Comune di Serra San Quirico ha preso luogo la V edizione di T.E.S.P.I. 2013 – Festival di Teatro Educazione Scena e Pedagogia in Italia. Cinque giorni di installazioni, incontri, performance, cortometraggi e spettacoli che hanno animato il piccolo borgo anconetano attraverso un teatro visto come via di formazione e di integrazione sociale.

T.E.S.P.I., nato da un’idea di Fabrizio Giuliani (ATG) elaborata con Ornella Pieroni (AMAT) è stato realizzato dalla Comunità Montana Esino-Frasassi con il Comune di Serra San Quirico, l’ATG Associazione Teatro Giovani/Scuola Estiva di Teatro Educazione (S.E.T.E.) e l’AMAT con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Marche.

Mercoledì 17 luglio all’Arena del Teatro è andato in scena lo spettacolo TITOLO: PROVVISORIO a cura della Rete del Sollievo di Jesi/ATG – rete di servizi a carattere sociale che, fattivamente, cerca di offrire sollievo a chi soffre o ha sofferto per un disagio psichico e alle loro famiglie.

Pubblichiamo qui la lettera scritta da Alfredo, ospite della struttura del Sollievo, che ha chiuso lo spettacolo.

 

 

un estratto della lettera: clicca qui per vedere l'immagine intera

 

Centro diurno 12-06-2013

ore 9.15

Salve Dottoressa

IL MALATO DI MENTE

Cosa volete distinguere in un malato di mente?

È un uomo come voi!

È uno strumento musicale come voi!

Solo che un trauma o una vita disgraziata ha reso disarmonica la sua mente.

La sofferenza è il suo pane quotidiano.

Dentro la sua fronte porta una piaga che non si rimarginerà mai.

Qualcuno è motivo di riso, senza meritare di essere un mentecatto; si comporta solo in maniera diversa.

Non vi sono, forse, cani che abbaiano e altri no?

La stupidità di chi, al bar, parla in continuazione di sport e politica, è normale.

Se invece, un malato di mente parla con parole diverse, è giudicato uno scemo.

La capacità di star male è talmente abitudinaria che quasi non lo disturba più. Ma se tale intensità capita ad “un normale” è la causa di un infarto.

Il malato di mente porta uno stigma anche di chi non ha spalle robuste.

Cosa volete distinguere in un malato di mente?

Solo qualche virgola e punto, diversi. Niente di sconvolgente, niente che sia contro la natura dell’uomo.

Solo virgole e punti – niente – niente!

Alfredo

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *