Home Gallery Farde-Moi di Cie MF | Maxime & Francesco a Civitanova Danza
Farde moi_Civitanova Danza_14
Farde moi_Civitanova Danza_13
Farde moi_Civitanova Danza_12
Farde moi_Civitanova Danza_11
Farde moi_Civitanova Danza_10
Farde moi_Civitanova Danza_8
Farde moi_Civitanova Danza_7
Farde moi_Civitanova Danza_6
Farde moi_Civitanova Danza_5
Farde moi_Civitanova Danza_4
Farde moi_Civitanova Danza_3
Farde moi_Civitanova Danza_2
Farde moi_Civitanova Danza_1
Farde moi_Civitanova Danza_0

Farde-Moi di Cie MF | Maxime & Francesco a Civitanova Danza

15
0

A luglio 2018 il Teatro Annibal Caro di Civitanova Marche ha ospitato la residenza artistica di Cie MF | Maxime & Francesco, compagnia italo-francese di danza contemporanea e teatro fisico diretta da Maxime Freixas e Francesco Colaleo e prodotta dall’Associazione Artemis Danza. Insieme a un gruppo di danzatori – Francesca Linnea Ugolini, Laura Lorenzi, Rosada Letizia Zangri – i due coreografi Colaleo e Freixas hanno abitato il teatro civitanovese e hanno poi debuttato con il nuovo progetto Farde-Moi, selezionato per l’azione ResiDance XL del Network Anticorpi XL,  coordinata da L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino, creato in collaborazione con il CID di Rovereto ed il Festival Oriente Occidente, Arteven, AMAT e ACS, presentato in prima assoluta il 14 luglio 2018 al Festival Civitanova Danza, durante la sua 25esima edizione.

Farde-Moi, dal verbo francese farder, significa truccami/ingannami. La pièce di danza contemporanea e physical theater per cinque interpreti desidera approfondire il tema dell’identità nella società di oggi. In questo mondo che si sta paralizzando davanti alla diversità, come ci comportiamo? Paesaggi emotivi soffici e delicati, instaurano una poetica del gesto sospesa e onirica ed al contempo energica e carnale. Dai fru fru all’essenziale, da quadri pittoreschi alla più semplice espressione umana: senza mettere in scena nessun carnevale, gli interpreti mascherano la loro natura, rivelando un’apparenza forse ingannevole. Un’opera che desidera sondare, con il linguaggio della danza contemporanea, un tema che il teatro ha abitato per lungo tempo: l’umorismo ed il sentimento del contrario. Attraverso una riflessione che parte e si muove dal corpo, si desidera comprendere fino a che punto il pubblico osservatore possa partecipare e aderire in maniera comica o umoristica, dinnanzi alle storie e alle personalità degli interpreti. Francesco Colaleo

Ideato, diretto e coreografato da Francesco Colaleo e Maxime Freixas, con le musiche di Vincenzo Pedata, il disegno luci di Antonio Rinaldi, i costumi di Barbara De Marco e Vittoria Papaleo, con il sostegno del MiBACT e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”, lo spettacolo è qui raccontato attraverso gli scatti fotografici di Mariachiara Casale.

 

(15)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *