Home Post-Stage La danza e l’ironia di Ambra Senatore
La danza e l’ironia di Ambra Senatore

La danza e l’ironia di Ambra Senatore

4
0

Al Teatro Sanzio di Urbino il 19 aprile, per replicare poi il giorno successivo al Teatro Valle di Chiaravalle, è arrivata la danza e l’ironia di Ambra Senatore, ideatrice e protagonista di Passo. Inserito nel calendario della rassegna TeatrOltre 2012, lo spettacolo della coreografa torinese ha colpito per la quotidianità che, riempita di giocosità, è stata portata sul palco.
Si accentuano i gesti che con semplicità compiono ogni giorno i danzatori che lavorano a uno spettacolo, come il movimento di aggiustarsi il vestito, la biancheria, i capelli; si sottolineano gli sguardi di attesa che i ballerini si rivolgono tra loro per andare a tempo e non sbagliare la rotazione di un piede, di un braccio o di una gamba. Si focalizzano particolari di un quotidiano che si carica di ironia, soprattutto quando entrano in gioco alcune delle caratteristiche principali della danza di Ambra Senatore: l’equivoco e il rapporto tra realtà e finzione.

Lo spettacolo, vincitore del Premio Equilibrio 2009 – lo stesso premio vinto poi da Giulio D’Anna nel 2011 –, si compone di diverse scene che funzionano come un puzzle a incastro, dove l’ironia e i cambi di senso e significato diventano tentativi di indagine della relazione e il rapporto tra individuo e società. In scena con Ambra Senatore altri cinque danzatori: Caterina Basso, Claudia Catarzi, Matteo Ceccarelli, Elisa Ferrari e Tommaso Monza.

 

(4)

LEAVE YOUR COMMENT

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *